Home

Logo Gaia

Calendario Attività

Ultimo mese Agosto 2016 Prossimo mese
L M M G V S D
week 31 1 2 3 4 5 6 7
week 32 8 9 10 11 12 13 14
week 33 15 16 17 18 19 20 21
week 34 22 23 24 25 26 27 28
week 35 29 30 31
Ultimo mese Settembre 2016 Prossimo mese
L M M G V S D
week 35 1 2 3 4
week 36 5 6 7 8 9 10 11
week 37 12 13 14 15 16 17 18
week 38 19 20 21 22 23 24 25
week 39 26 27 28 29 30

Logo Cosmoauti

banner arci

con il contributo della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

Logo Regione autonoma Friuli Venezia giulia

con il contributo della

logo Provincia di Udine

con il sostegno del Comune di Udine - Assessorato al Decentramento

Logo Comune di Udine

Serigrafia Carlo Stragapede - 2009

Via Brescia 3, Rizzi (Riçs) - Udine  (incrocio tra Via Brescia e Via Lombardia)

Ufficio al 1° piano, ingresso dal giardino

Orario ufficio: lunedì, mercoledì e venerdì,  ore 18.30 - 20.00  (orario valido dal 1/7/2015)

 

Telefono:  0432 542 802          Cellulare:  342 160 3107          Email:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

   
   
 
Dammi un 5... Il coraggio del rispetto! - Pubblicazione PDF Stampa Email

Frontespizio pubblicazioneIl Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi Orizzonti in collaborazione con ARACON, Comune di Udine, Officine giovani, Ludoteca, Udine United - L. A. Rizzi Cormor, Associazione Le foglie, Kaleidoscienza, www.incros.it, Istituto Comprensivo di Codroipo, Istituto Comprensivo di Udine 1, Istituto Comprensivo di Tavagnacco, Associazione Culturale SAN LAZZARO, Legambiente - Circolo di Udine, AGESCI Gruppo Udine 8, Coop Alleanza 3.0, presentano:

Dammi un 5... Il coraggio del rispetto!

Sintesi degli ultimi tre anni di "Dammi un 5", dedicati alla lealtà, alla frustrazione, alle emozioni, alla consapevolezza e al rispetto di sé e degi altri.

 

pdfPubblicazione realizzata in occasione di Dammi un 5 2016

Ultimo aggiornamento Martedì 28 Giugno 2016 00:19
 
GAIA - I cambiamenti climatici: l’emergenza del XXI secolo PDF Stampa Email

logo Gaia

novembre 2015 - giugno 2016

Teatro scientifico, incontri e laboratori dedicati al nostro pianeta e ai suoi cambiamenti

 

I cambiamenti climatici: l’emergenza del XXI secoloLa conferenza di Sandro Fuzzi

Mai come oggi le attività umane stanno influenzando in modo rilevante l’ambiente: il clima, la qualità dell’aria, delle acque, del suolo.

Circa la metà delle terre emerse è stata trasformata dall’azione diretta dell’uomo e le emissioni di gas clima-alteranti in atmosfera, dovute in larga parte alla produzione di energia, hanno modificato il bilancio energetico 
del pianeta portando a un riscaldamento del clima che non ha precedenti nella storia della Terra, almeno negli ultimi 800.000 anni. A loro volta questi fenomeni hanno un’importante ricaduta sui bisogni fondamentali dell’umanità: la salute, le risorse alimentari, la disponibilità di acqua. Il seminario 
si propone di esaminare le cause del riscaldamento climatico e i suoi effetti ambientali e socio-economici, anche alla luce del recente accordo raggiunto
a Parigi dai governi di tutto il mondo per contrastare questo fenomeno.

L’autore

Sandro Fuzzi, dirigente di ricerca dell’Istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale
delle ricerche si è laureato in Chimica presso l’Università degli Studi di Bologna e si è in seguito dedicato alla ricerca nel campo delle scienze atmosferiche. Ha trascorso un periodo di ricerca negli Stati Uniti presso l’“Atmospheric Sciences Research Center” della State University of New York, Albany. Il suo principale campo di ricerca riguarda
i processi fisici e chimici nell’atmosfera e i loro effetti sui cambiamenti globali, il clima, la qualità dell’aria,
gli ecosistemi e la salute. In questi campi ha pubblicato oltre 150 articoli su riviste scientifiche internazionali ed è tra gli scienziati più citati al mondo nel settore delle Scienze della Terra. Ha partecipato alla redazione sia del 4° che del 5° Rapporto sullo stato del clima dell’“Intergovernmental Panel for Climate Change” (IPCC), l’organismo scientifico istituito nell’ambito
delle Nazioni Unite per fornire ai governi di tutti i Paesi rapporti a cadenza regolare sul cambiamento climatico, l’impatto sulla società, i rischi futuri e le opzioni disponibili per limitarne gli effetti.

 

5/4/2016, Sala Ajace, Comune di Udine. Evento organizzato dal Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi Orizzonti, in collaborazione con Università degli Studi di Udine, Comune di Udine, con il contributo della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia.

 

Il video

I cambiamenti climatici: l’emergenza del XXI secolo

 


Organizzazione

Partner

Patrocini

Collaborazioni

Logo Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi OrizzontiLogo Regione autonoma Friuli Venezia Giulialogo Università degli Studi di Udinelogo gireplogo Esplicalogo Espressione Est - Circolo di Studi Artistici e Socialilogo Comune di Udinelogo Comune di Attimislogo Comune di Faedislogo Comune di Povolettologo Comune di Remanzaccologo Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale del Friulilogo Istituto Comprensivo "Don Milani" di Aquileialogo Istituto Comprensivo di Codroipologo Istituto Comprensivo di Faedislogo Istituto Comprensivo di Tavagnaccologo Istituto Comprensivo di Udine 1logo Liceo Scientifico Statale G. Marinelli di Udinelogo Kaleidoscienzalogo ARPA FVG - OSMER - Osservatorio meteorologico regionalelogo ARPA FVG - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente del Friuli Venezia Giulialogo Legambiente - Circolo di Udinelogo Ecomuseo delle Acque del Gemoneselogo Liberascienzalogo Coop Consumatori Nordestlogo Banca di Credito Cooperativo del Friuli Centrale


 

Ultimo aggiornamento Lunedì 01 Agosto 2016 16:36
 
Verità per Giulio Regeni PDF Stampa Email

Verità per Giulio Regeni - Amnesty International

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 17 Marzo 2016 17:38
 
Zumba PDF Stampa Email

volantinoDimentica l'allenamento, perditi nella musica e ritrova la forma con l'esclusivo Dance- Fitness Party

Per dettagli sulle lezioni, contatta il tuo istruttore di Zumba qualificato:

Deborah Rainis

cell 338 486 4996

Sede dei corsi: presso la sede del Circolo, in Via Brescia 3, località Rizzi (Riçs) - Udine

Inizio dei corsi: giovedì 24 settembre 2015

Orario dei corsi:

  • lunedì dalle 18.00 alle 19.00 Corso di Total body (tonificazione)
  • lunedì dalle 19.00 alle 20.00 Corso di Zumba fitness
  • giovedì dalle 19.00 alle 20.00 Corso di Zumba fitness

Le prime due lezioni sono gratuite

Vieni a provare in qualsiasi momento

Ultimo aggiornamento Mercoledì 23 Settembre 2015 13:04
 
Gruppi musicali - Feste PDF Stampa Email

volantino

HAI UN GRUPPO MUSICALE

ma non hai uno spazio per le prove?

 

VUOI FARE UNA FESTA DI LAUREA O DI COMPLEANNO

ma non sai dove andare?

 

Vieni da noi!

Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi Orizzonti

Via Brescia, 3 - località Rizzi (Riçs) - Udine.

Info:   0432 542 802,   348 654 6881,   393 138 3881,   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Orario ufficio: 18.30 - 20.00, dal lunedì al venerdì

 

Ultimo aggiornamento Martedì 17 Febbraio 2015 17:51
 
Compagnia teatrale 'Ndescenze! PDF Stampa Email

Foto fratelli MarxNell'autunno del 1998 nasce un gruppo teatrale autogestito che si caratterizza per la ricerca di testi sempre diversi, appartenenti a differenti generi, sia per approfondire la conoscenza dell'arte del teatro che per sperimentarne le modalità di approccio. La compagnia dal 2001 è supportata dal Dopolavoro Ferroviario di Udine e fa dunque parte dei gruppi culturali sotto l'ala di questa associazione, inoltre dal 2005 è ospitata presso la sede del Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi Orizzonti, e quindi collabora alle attività ricreative del Circolo.

Il lavoro propedeutico alla teatralità è fondamentale per chi recita per la prima volta ma serve principalmente per formare un gruppo affiatato, infatti prima di preparare lo spettacolo vero e proprio si lavora per alcuni mesi su un Laboratorio di teorie e tecniche teatrali propedeutiche alla recitazione, provando esercizi di training motorio, movimento nello spazio, ritmica e gestualità, emissione e uso della voce, dinamica di gruppo e improvvisazione.

Il collegamento con il training permette di ideare soluzioni sceniche e costruire i personaggi: si sviluppa dapprima la libera interpretazione espressivo-registica dei partecipanti, che in un secondo tempo viene incanalata dalla coordinatrice per la messa in scena.

Successivamente questo bagaglio di conoscenze sull'arte della rappresentazione viene applicato in pratica al copione scelto.

Gli obiettivi di questo lavoro su se stessi si perseguono sia per cercare una buona qualità dello spettacolo che come formazione personale dell'individuo. Questo permette sia di approfondire la conoscenza dell'arte teatrale che di provare su se stessi, come individui, modalità di approccio alla vita e agli altri.

Il Gruppo Teatrale 'Ndescenze! si caratterizza per la ricerca di testi sempre diversi, appartenenti a differenti generi, sia per approfondire la conoscenza dell'arte del teatro che per sperimentarne le modalità di approccio.

Dopo 10 anni di attività, abbiamo voluto dare una svolta al nostro percorso di lavoro. Infatti stiamo lavorando parallelamente a due progetti: il primo prevede lo storico gruppo aperto a tutti come sempre, suddiviso nella fase di laboratorio e successivamente la preparazione dello spettacolo. La novità è il secondo gruppo, costola del primo, dedicato alle persone che dopo diversi anni di partecipazione volevano provare nuove tecniche teatrali e aperto anche a nuovi arrivati con già qualche esperienza nel settore dello spettacolo.

Ogni anno la compagnia è aperta ai nuovi partecipanti che, tramite questo tipo di preparazione, ben presto diventano elementi del gruppo al pari di chi lo frequenta già da anni.

 

Abbiamo messo in scena fino a oggi:

  • “Vampiri allo Specchio” - doppia serata su Dracula, con parodia (2014).
  • “Legali? Legali!” mise en scène dalla radio comica americana anni '30, “Sogno Reloaded” rielaborazione contemporanea del Sogno (2012).
  • “Di Mummia ce n'è una” da Quattrocchi e Cattivelli e “Tutto quello che ci interessa della vita” da A. Campanile, E. De Filippo e C. Vittici (2011).
  • ”Le Cognate” da M. Tremblay e “Salomè” da O. Wilde (2010).
  • “American Lie” da R. Franco e “Dracula” da B. Stoker (2009).
  • “Ma è assurdo! Sceme di vita?” da A. Campanile, E. Ionesco e K. Valentin (2008).
  • “La piccola bottega degli orrori” da Roger Corman e Frank Oz (2007).
  • “Il senso della vita” tratto dagli sketches dei Monty Python (2006).
  • "Sogno di una notte di mezza estate" di Shakespeare (2005).
  • Una rilettura in chiave anni Sessanta di “Frankenstein Junior” di Mel Brooks (2004).
  • “Legali da legare - gli show radiofonici dei Fratelli Marx” (2003).
  • “Deus ex machina” di Woody Allen (2002).
  • “Chi ruba un piede è fortunato in amore” di Dario Fo (2001).

Le prove del gruppo si tengono da ottobre a maggio, il lunedì e il martedì, dalle ore 21.00, presso la sede del Circolo, in Via Brescia 3, località Rizzi (Riçs) - Udine.

Info e iscrizioni: Arianna Romano:  347 873 7763,  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Foto Compagnia Ndescenze 2014

Ultimo aggiornamento Sabato 06 Febbraio 2016 19:09
 
La Farie dei Rizzi PDF Stampa Email

La centrale elettrica / bottega del fabbro (Farie) di Parisio Zorzutti

foto Parisio ZorzuttiAi Rizzi, nel 1911, Parisio Zorzutti, un giovane intraprendente discendente di una famiglia di fabbri e ricercatore nel campo dell’energia elettrica, realizzò due centrali termoelettriche, site dove ora si trova la “Farie”, ovvero il laboratorio del fabbro, in via Milano 52. Tale laboratorio fu realizzato all’inizio del ‘900 dallo stesso Parisio e da Leonardo Zorzutti, suo fratello, anche se già era operante una bottega di fabbro nella vicina casa di famiglia.

Parisio Zorzutti, oltre ad essere un apprezzato fabbro, fu anche e soprattutto illuminato ricercatore nel campo della produzione di energia elettrica ed abile orologiaio (costruì fra l’altro quello del campanile dei Rizzi e di un altro paese vicino), inoltre progettò macchine e strumenti di lavoro considerati innovativi per l’epoca.

All'inizio del ‘900, il giovane Parisio prima ideò una centrale idroelettrica, senza poterla realizzare a causa della mancata concessione ad installare un impianto sul vicino canale Ledra, poi prosegui la sperimentazione progettando una centrale termoelettrica, alla cui sperimentazione partecipò anche lo scienziato Arturo Malignani.

La centrale era costituita da un motore alimentato ad “olio pesante”, cui seguì un altro impianto più potente alimentato a “gas povero”, come recitano i documenti dell’epoca. La caldaia veniva raffreddata con l’acqua della vasca adiacente (tutt’ora visibile) che veniva alimentata da un ruscello che partiva dal vicino canale Ledra. La produzione dell’energia fu prima ad uso privato, poi venne utilizzata anche per la pubblica illuminazione. La sperimentazione proseguì fino al 1913, anno in cui il suo ideatore Parisio Zorzutti morì alla giovanissima età di di trentatrè anni.

Dopo la morte di Parisio, la centrale divenne la nuova bottega di famiglia del fratello Leonardo, prima, e del figlio Ugo Zorzutto poi, ultimo fabbro ancora vivente, che operò fino agli anni ‘90 del secolo scorso, mettendo a frutto l’arte appresa dal padre Leonardo.

Ora il laboratorio, ormai dismesso, conserva ancora la vecchia attrezzatura, strumenti e utensili ed alcuni lavori forgiati appesi ai muri. Le pareti interne ed il soffitto con capriate recano ancora l’annerimento della fuliggine emanata dalla vecchia fucina. Quelle esterne, in mattoni faccia a vista, sono ben conservate, così come le vecchie finestre con inferriate e le porte.

(Testo: Dario Rizzi - Fonti: documenti d’archivio del Comune di Udine e testimonianze orali di Ugo Zorzutto. La variazione del cognome, Zorzutti prima e Zorzutto poi, è dovuto ad un errore dell'anagrafe risalente al 1920 circa)

Valorizzazione

La Farie dei Rizzi è meta di frequenti visite di appassionati e, ad uso didattico, di numerose visite di scolaresche. É stata inserita in un progetto di collaborazione con la Scuola Secondaria di I grado “Via Divisione Julia” - Udine, sedi “G. Ellero” e “G. B. Tiepolo”. La visita si colloca all'interno del Progetto lingue e culture minoritarie: “Tipologie edilizie locali di tipo produttivo e cultura materiale”, ed ha comportato la visita al sito dei Riçs ed un Laboratorio di battiferro. Altre visite sono in programma con la Scuole Elementare Enrico Fruc dei Rizzi.

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Gennaio 2013 00:54
Leggi tutto...