Home Centro di Documentazione “Una chiesa una comunità 1905 2005. Parrocchia Sant'Antonio di Padova - Rizzi - Udine"

Calendario Attività

Ultimo mese Maggio 2021 Prossimo mese
L M M G V S D
week 17 1 2
week 18 3 4 5 6 7 8 9
week 19 10 11 12 13 14 15 16
week 20 17 18 19 20 21 22 23
week 21 24 25 26 27 28 29 30
week 22 31

logo Progetto POI

Logo Gaia

Logo Cosmoauti

banner arci

con il contributo della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

Logo Regione autonoma Friuli Venezia giulia

con il contributo del
Comune di Udine

Logo Comune di Udine

con la sponsorizzazione di

logo Bluenergy

“Una chiesa una comunità 1905 2005. Parrocchia Sant'Antonio di Padova - Rizzi - Udine" PDF Stampa Email
Scritto da Administrator   
Questo articolo è stato letto 8318 volte
Domenica 23 Maggio 2010 16:49
La copertina del libro

Ricerca e pubblicazione sulla memoria storica dei Rizzi promossa dal Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi Orizzonti e dalla Parrocchia dei Rizzi, con il sostegno finanziario della Provincia di Udine.

A cura di Giuseppe Faccin, Giacomo Piutti, Dario Rizzi , Victor Tosoratti, Elena Amadori.

Arti Grafiche Friulane, Udine, 2005, 28 p.

 

1905 - 2005: la chiesa dei Rizzi dedicata a Sant'Antonio da Padova compie cent'anni. In tale occasione, viene offerto alla comunità questo semplice opuscolo che ne ripercorre la storia. La realizzazione è stata possibile grazie alla collaborazione di più persone che hanno messo mano alla ricerca di documenti cartacei e fotografici, come pure di testimonianze dirette. Queste pagine contengono il tentativo di illustrare il percorso che la comunità dei Rizzi ha tracciato per dare vita alla propria "casa comunitaria". Da quel lontano 1905 fino al recente 2000, la chiesa è stata continuamente arricchita e impreziosita non tanto di oggetti, quanto piuttosto di presenze che esprimevano interessi e affetto. Infatti, quando diciamo "chiesa", diciamo molto di più della struttura muraria che la caratterizza, diciamo soprattutto le attenzioni delle persone che hanno condotto alla realizzazione di quanto oggi amiamo e apprezziamo, e che continua a permettere una fruizione semplice e quotidiana. In questo luogo pensato da quanti, prima di noi, hanno amato questa comunità si è sviluppata la vita cristiana di generazioni, molti uomini e donne hanno consegnato al signore le proprie gioie e le proprie sofferenze, le speranze e le preghiere più personali.