La vita di Isidor Katanić Stampa
Scritto da Administrator   
Questo articolo è stato letto 219 volte
Domenica 30 Agosto 2020 00:00

volantinoSabato 26 Settembre ore 20.30

Circolo Nuovi Orizzonti - Via Brescia 3, Rizzi (Riçs) - Udine

La vita di Isidor Katanić

Presentazione del libro di Ivo Andrić a cura di Alice Parmeggiani (traduttrice del volume, già docente di Letteratura serba e croata presso l'Università di Udine e Trieste) e Božidar Stanišić (scrittore bosniaco)

Moderatore: Michele Guerra

Romanzo breve, scritto dal Premio Nobel Ivo Andrić nel 1948 e pubblicato per la prima volta in Italia dalla casa editrice friulana Bottega Errante. Isidor Katanić è un anonimo impiegato che vive a Belgrado, dove ha avuto la disgrazia di incontrare Margita. Nel matrimonio con la donna naufragano anche i suoi ultimi sogni di gioventù, quando si immaginava di poter diventare pittore, cantante d’opera, forse anche poeta, senza immaginare che sarebbe stato solo un calligrafo che dubitava anche del proprio dono di una bella scrittura. Andrić ci racconta la parabola di un uomo ordinario tra le due guerre mondiali in una Belgrado occupata: la storia del riscatto di un’intera esistenza ha inizio sulle sponde del fiume Sava e si conclude con la presa di coscienza di non essere irrilevante e la scoperta che anche la calligrafia può servire a un obiettivo superiore che può cambiare il mondo.

L'evento è realizzato all'interno del festival "vicino/lontano - Premio Terzani" 2020 e della rasegna Itine-random.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

cell (anche whatsApp): 342 160 3107

 


logo Itine-ramdom

Rassegna realizzata all’interno di UDINESTATE2020 dal Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi Orizzonti

Con il contributo: Comune di Udine

In collaborazione con: Consiglio di Quartiere 2, Coop Alleanza 3.0, A.S.R.D. Udine United Rizzi Cormor, Ce.V.I. - Centro Di Volontariato Internazionale, Espressione Est, eTielleZeta - espressioni culturali, Pro Loco “Borgo Sole”