POI - Scuole e territorio: Feletto Umberto Stampa
Scritto da Administrator   
Questo articolo è stato letto 142 volte
Giovedì 24 Maggio 2018 00:00

logo Progetto POI

POI – Pensa Osserva Immagina

dicembre 2017 - giugno 2018

 

Pubblicazione Feletto UmbertoIl Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi Orizzonti, in collaborazione con Associazione Valle del Cormor, Espressione Est - Circolo di Studi Artistici & Sociali, Istituto Comprensivo di Tavagnacco, con il contributo della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, presenta:

 

Alla scoperta del centro di Feletto

Il centro di Feletto è molto bello e, anche se ci siamo passati molte volte, ci sono tante cose che non abbiamo notato.

Il signor Ganis ci ha fatto vedere dove c'era lo stagno dove andavano ad abbeverarsi gli animali, dove c'era il campanile della chiesa che è stato distrutto per costruire una strada.

Davanti a villa Tinin abbiamo visto una conifera che avevamo visto in una foto del 1950.

Ci è piaciuto molto scoprire una meravigliosa stradina, la via degli orti, che si chiama così proprio perché passa in mezzo a tanti orti e osservare i portici antichi (alcuni portavano la data di costruzione).

Abbiamo anche trovato il posto in cui c'era la stazione del tram che portava a Tricesimo. Lo chiamavano “vacje blancje” perché era tutto bianco e, quando era in movimento, faceva una specie di muggito.

Beh, abbiamo scoperto tante cose sul nostro paese.

Classe 3 A, Scuola primaria di Feletto Umberto

 

Informazioni:

Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi Orizzonti

Via Brescia, 3 - 33100 Udine

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

348 780 2091

 


Organizzazione

Contributi

Partner

Logo Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi OrizzontiLogo Regione autonoma Friuli Venezia Giulialogo Istituto Comprensivo di Tavagnaccologo Istituto Comprensivo di Udine 1logo Associazione Valle del Cormorlogo Espressione Est - Circolo di Studi Artistici & Sociali


Progetto realizzato con il contributo della Regione automa Friuli Venezia Giulia, decreto n. 5120/CULT del 20/11/2017